Il disServizio Pubblico di Luisella Costamagna

Quando nell’estate del 2011 fu cacciata in modo piuttosto brusco da “In Onda” su La7, per essere sostituita da Nicola Porro, la mia solidarietà fu tutta per Luisella Costamagna. In quella circostanza, la considerai, soprattutto nel suo essere donna, vittima sacrificale del narcisismo di Luca Telese. Fu un grave errore: primo, perché il programma traeva forza, e faceva ascolti pur nella stagione estiva, proprio dalla diversità di caratteri del duo di conduzione; secondo, perché al suo posto è stato chiamato uno come Porro, che è supponente più di Telese e Costamagna messi assieme.

La prima tranche stagionale di Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro che ospita uno spazio fisso curato da Luisella Costamagna, mi ha indotto però a qualche riflessione sulla giornalista piemontese. Non essendoci più l’ego non proprio modesto di Telese cui dar la colpa, i limiti e i difetti del suo modus operandi sono emersi in maniera abbastanza evidente. Se ne è avuto un primo assaggio col flop del suo programma “Robinson”, andato in onda nella scorsa stagione televisiva su Rai3. L’algida Luisella non è riuscita a dare una identità e un’impronta al programma, rimediando pure qualche cazzotto dialettico quando, con fare da bacchettona, ha provato ad incalzare con le domande i suoi ospiti, come accaduto con Mara Carfagna, esempio politico più che deplorevole, ma che in quella circostanza dette l’impressione di cavarsela televisivamente meglio nel confronto.

ImmagineAll’interno di Servizio Pubblico, che da un paio d’anni ha abbandonato l’impostazione “caciaronesca” stile “L’Arena” di Giletti, il ruolo e i modi della Costamagna sembrano inadeguati, quando non addirittura palesemente inutili. E tutto sommato è un peccato, perché si vede che dietro c’è tutto un lavoro di studio e meticolosa preparazione dei contenuti da parte di Costamagna. Santoro è costretto a darle spazio nell’ultimo blocco di trasmissione, spezzando il filo di un discorso che dovrebbe naturalmente volgere alle conclusioni sul tema della puntata, dopo due ore di diretta. Per far posto a cosa? Nel corso delle puntate, a mio modesto avviso, il giornalismo di Luisella Costamagna ha mostrato almeno 3 limiti:

– Le sue domande hanno una durata variabile tra i 30″ e i 2′ e 30″. Ciò porta a pensare che il momento focale risieda marzullianamente più nella domanda che nella risposta, relegando quest’ultima al mero rango di accessorio opzionale, perché tanto l’importante è scagliare la freccia intinta nel veleno. Anche perché con domande di siffatta lunghezza, articolare una risposta può diventare impresa assai ardua, dato che nove volte su dieci il senso della domanda sfugge totalmente all’intervistato.

– La Costamagna ritiene un buon giornalismo, compiere un’approfondita ricerca sul passato dei prossimi ospiti di Servizio Pubblico per poi puntare contro di loro l’indice accusatorio rinfacciando errori e malefatte. Ora, sappiamo tutti che la nostra classe politica e dirigente ha compiuto tali nefandezze che meriterebbe senza indugio una pubblica gogna. Ma intanto il lavoro del giornalista è un altro. Che senso ha richiamare alla memoria di Flavio Briatore e dei telespettatori la sua condanna per vicende relative al gioco d’azzardo di 35 anni prima, fatto non solo noto ai più ma per il quale Briatore è stato poi riabilitato dal tribunale, avendo risarcito tutte le parti lese?Oppure incalzare Matteo Renzi, proiettato con un programma di azione di governo verso la sfida delle primarie e successivamente quella elettorale per i prossimi cinque anni, chiedendogli delle delibere comunali riguardanti il passaggio dell’Alta Velocità ferroviaria attraverso Firenze? Voglio precisare: non ho nessuna intenzione di difendere Renzi, figuriamoci Flavio Briatore. Ma è troppo comodo e strumentale tirare fuori una multa per divieto di sosta o una sbronza con gli amici in discoteca a vent’anni, con quell’aria da “maestrina” – concetto che almeno in linea di principio condivido con Briatore, pur deprecandone i modi scortesi e sgarbati con cui si è rivolto alla giornalista.

– Non solo il modus operandi di Costamagna è giornalisticamente discutibile. Senz’altro il contributo delle sue ficcanti domande al tema d’attualità oggetto della puntata di Servizio Pubblico è quasi sempre pari al nulla. Anzi, il più delle volte i suoi voli pindarici hanno il solo effetto di complicare la vita a Michele Santoro, il quale deve poi fare i salti mortali per recuperare e tirare le fila del discorso, districandosi tra l’acidità delle domande di Luisella Costamagna e le sfide al televoto alla “Amici di Maria De Filippi” della petulante Giulia Innocenzi.

E la Costamagna? Il più delle volte esce di scena con un occhio nero nonostante nell’arena di Santoro giochi in casa. Con simili contenuti, la domanda è solo apparentemente scomoda: le vittime riescono quando non a contrattaccare, quasi sempre a tergiversare; o perché ci si riferisce ad eventi talmente lontani nel tempo, la cui portata è nel frattempo diventata trascurabile, o perché sono ormai rodati e allenati a fronteggiare con un’adeguata strategia gli argomenti sgraditi a loro carico.

E il telespettatore? In quei cinque minuti di Costamagnetismo raramente ricava alcun beneficio, in termini di informazione aggiunta che può apprendere. La sensazione è invece solo quella di una inutile perdita di tempo.

Annunci

4 comments

  1. Rosario · dicembre 21, 2012

    In questo pezzo ricco solo di astio personale (comunque tutto al femminile: le donne sono o inutili e dannose o “petulanti”) e fondato su assunti del tutto opinabili (chi ha detto quanto deve durare una domanda? chi ha detto che un episodio solo in quanto “vecchio” sia per ciò stesso poco interessante? mah) e del tutto privi di argomentazione, la cosa che salta più agli occhi è la totale disinformazione.
    Alcuni elementi.
    Briatore, per esempio, non è mai stato “riabilitato” per aver “risarcito tutte le parti lese”; anche perché un briciolo, una molecola di cultura giuridica imporrebbe di sapere che un reato penale non prevede “riabilitazioni a pagamento”. Quella, semmai, potrebbe essere la parte civile, e comunque così non è perché Briatore è stato condannato da due tribunali lombardi e la “riabilitazione” riguarda il tribunale di Torino. Due cose completamente diverse. In quella puntata, peraltro, Costamagna si limitò a domandare (in pochi secondi) se sia proprio il caso che Briatore faccia il maestro di vita e impresa per i giovani in Tv. Cioè, per intenderci, se sia proprio un fulgido esempio. E non citò solo fatti risalenti a “35 anni fa”, ma un’attualissima indagine per un’evasione fiscale da 5.000.000 di Euro. Mica bruscolini, e niente affatto lontani nel tempo.
    Quanto poi a Renzi, anche qui l’autore dell’articolo perde un’ottima occasione per informarsi e dire la verità. La sequenza è visibile a tutti sul sito di Servizio Pubblico e su Youtube: quando Renzi afferma di voler promuovere una “green economy” basata sulla tutela dell’ambiente, Costamagna gli domanda come mai non abbia fatto nulla – era pienamente nei suoi poteri di sindaco – per fermare la scandalosa perforazione del sottosuolo di Firenze voluta per risparmiare 5′ ai viaggiatori, costosissima e terribilmente dannosa per la città e i suoi beni. Domanda attualissima e altamente opportuna per uno che si presentava come possibile candidato premier.
    Nella puntata di ieri sera – tanto per fare un altro esempio – la domanda a Marchini sulla politica come “ottimo affare” per gli imprenditori ha messo in vivo imbarazzo questo discutibile personaggio che si candida a sindaco di Roma dopo aver imperversato come palazzinaro (e non solo) per anni. Ben venga l’imbarazzo.
    E ben venga (altra puntata) chiedere a Tremonti come diavolo faccia a pontificare di soluzioni per la crisi quando è stato uno dei ministri dell’Economia più longevi della storia repubblicana.
    Tutte domande attualissime, e perfettamente in contesto rispetto all’ospite e alla puntata.
    Gli intervistati non rispondono? La spiegazione dell’autore dell’articolo è che “non hanno capito”. Io dico che eludono la domanda, fanno i furbi. Dimostrando così davvero la loro pasta.
    Detto tutto questo, poiché i (non)argomenti di questo post cadono miseramente uno a uno lasciando spazio solo a un evidente astio preconcetto, provo a formulare un’ipotesi: non è che noi spettatori non sopportiamo più l’imbarazzo della domanda vera, del confronto diretto in cui le questioni vengono poste coraggiosamente vis-à-vis, semplicemente perché troppi anni di berlusconismo, di autocensura, di timore, di inadeguatezza, ci hanno disabituati a sopportare questo normale, banalissimo giochino democratico? In Gran Bretagna o negli Usa domande come queste (anche lunghe, sì, cioè semplicemente documentate) sono all’ordine del giorno. Ma sono altri mondi.
    Non parliamo se poi la domanda in questione proviene da una donna. E bella per giunta. Non ci torna. Dobbiamo trovare uno schema mentale che disinneschi questo terribile ordigno. Donna. Bella. Intelligente. Preparata. E mette in difficoltà degli uomini. Pure potenti!
    E’ troppo, non siamo ancora pronti. Ci vuole tempo.
    E tanti, tanti altri post.

    (Chiedo scusa per la lunghezza della perorazione, ma mi sono imbattuto casualmente in questo blog tramite twitter e mi sono irritato: se continuiamo a lamentarci del basso livello del nostro giornalismo azzerbinato e poi appena un giornalista fa le domande lo bastoniamo, be’, siamo messi davvero maluccio…)

    • carus89 · dicembre 21, 2012

      Caro Rosario, siamo più d’accordo di quanto non possa almeno all’inizio apparire. Può ben darsi che essendo talmente abituati alle domande pre-concordate da pupazzi mezzibusti dell’informazione durante gli ultimi 20 anni, abbiamo del tutto smarrito la bussola della corretta informazione. Che Briatore sia un pessimo esempio per i giovani e per gli aspiranti membri della classe dirigente, e che vada in tv a pontificare di “etica negli affari”, è fuor di dubbio. Ammetto l’ignoranza sulle vicende giudiziarie: sono andato a ricordi, invece di documentarmi con maggiore precisione. Non c’è peró nessun astio misogino, e ci tengo a sottolinearlo: come si evince chiaramente dal post, le due dame di Santoro mi sono tutt’altro che simpatiche, ecco tutto!
      Saluti

      • Rosario · dicembre 21, 2012

        Risposta onesta. Grazie.
        P.s. A un giornalista (uomo o donna che sia) non chiedo simpatia ma preparazione. E Costamagna è una delle più preparate.
        Saluti

      • carus89 · dicembre 21, 2012

        Allora siamo d’accordo su un ulteriore punto,che ho tenuto a specificare nell’intervento: la preparazione della Costamagna. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...