Summer Sport a Benevento dal 17 al 30 Giugno

Dopo un anno di assenza, ritorna il Summer Sport. La manifestazione, organizzata dalla Ars Gamma, presieduta da Salvatore Galieri, in collaborazione con JEBS (Junior Enterprise Benevento and Sannio), associazione studentesca dell’Unisannio, e l’Asd Tennis Club 2002, si svolgerà dal 17 al 30 giugno prossimi.
Saranno due settimane d’intrattenimento estivo all’insegna dello sport, con tornei di basket, pallavolo, ping pong, playstation, ballo sportivo, fitness e tante altre novità che saranno prossimamente svelate.
In concomitanza con il Summer Sport, ci sarà anche un torneo open femminile di tennis, organizzato direttamente dall’Asd Tennis Club 2002.
La prima e principale novità di questa edizione 2013 riguarda il luogo di svolgimento dell’evento, ospitato presso il circolo del Tennis Club 2002, in via Gaetano Salvemini a Benevento.
Gli ampi spazi all’aperto offerti dalla nuova location consentono alla manifestazione di riprendere il nome originario di Summer Sport, dicitura che ha contrassegnato sette delle passate dieci edizioni, disputate allo stadio del rugby “Pacevecchia” e soprattutto alla Colonia Elioterapica, attualmente interessata da lavori di ristrutturazione.
Negli ultimi anni, infatti, le difficoltà economiche e la mancanza di adeguate strutture all’aperto, avevano imposto allo staff dell’Ars Gamma la riduzione dell’evento al solo torneo di pallacanestro.

http://www.ntr24.tv/it/news/sport/dal-17-al-30-giugno-ritorna-a-benevento-il-summer-sport.html

Basket/DNC: Vittoria thrilling per la Magic Team Benevento contro Vasto

È la domenica più lunga per la Magic Team Benevento, quella dove il cuore è costretto a battere più forte e più veloce fino alla liberatoria sirena. Gionata Bizzarri cattura il rimbalzo sull’errore al tiro avversario facendo morire cronometro e partita. Al 40’ il numeroso pubblico accorso al Palatedeschi per il match di cartello del girone G di DNC può finalmente esultare: 75-74 il punteggio sul tabellone in favore della Magic Team sulla BCC Valle Trigno Vasto. Il parquet di casa si rivela ancora una volta una trappola mortale per le prime della classe. A farne spese oggi, dopo Molfetta, è la squadra abruzzese, seconda forza del campionato, accreditata dagli addetti ai lavori come unica reale antagonista alla corazzata pugliese. Tuttavia, con i due punti ottenuti oggi, la squadra di Nino Sanfilippo lancia un chiaro messaggio alle dirette contendenti per la promozione: “ci siamo anche noi!”. Ciò in considerazione del fatto che i beneventani hanno disputato una prima metà di gara non all’altezza dell’avversario, con Stijepovic costretto a prendersi tutte le licenze di tiro possibili per evitare il tracollo dei suoi – sarà alla fine il top scorer per la Magic Team con una doppia-doppia da 22 e 10 rimbalzi, con 32 di valutazione. Per i bianco-blu la prima metà di gara è soprattutto di passione. A metà del primo quarto Dipierro ruba e vola in contropiede prendendo anche il fallo di Marinello in recupero: 3-10 e timeout per Sanfilippo. L’armoniosa spaziatura e il movimento di palla sinfonico in attacco, non fatica a produrre risultati per Vasto, che doppia gli avversari nel secondo quarto (10-20). Biagio Sergio dall’arco è a secco e decide quindi di giocare più vicino a canestro, sfruttando un quasi mismatch con Murtas, che commette due falli in un amen. Luca Fabiano (14 punti, 75% dal campo e 19 di valutazione) si rivela un sesto uomo di lusso e con 5 punti dà una boccata d’ossigeno alla vigilia dell’intervallo (28-36 il parziale dopo il secondo quarto). Nel terzo quarto la Magic Team riesce finalmente ad alzare il ritmo. Fabiano continua a colpire dalla media distanza, il resto del quintetto sannita, fino ad allora piuttosto silente nei punti a referto, si sveglia: tripla di Murtas e Vasto si ritrova a dover gestire un vantaggio di un misero punto (39-40). Ancora Fabiano impatta a quota 44, ma a questo punto Dipierro decide di mettersi in proprio e infila tre triple in altrettanti azioni. Tutto rimandato al quarto e decisivo periodo di gioco, dove arriva con Marinello il primo vantaggio dei padroni di casa (57-55). Il play-guardia napoletano ricuce in penetrazione il minibreak abruzzese, riportando Benevento a – 3 (69-72), ma commette il suo quinto fallo con 2’ ancora da giocare. A salire in cattedra per la formazione di Sanfilippo è Bizzarri. Il lungo sannita mantiene la concentrazione e la freddezza dalla lunetta, e con un minuto ancora da giocare sul 72-74, Vasto è tutt’altro che al sicuro. Nonostante l’ottima difesa della Magic Team, gli ospiti costruiscono un buon tiro da 3 con Ierbs, che però non trova la retina. Dall’altra parte, Stijepovic sta per alzare la mano all’altezza della lunetta, quando all’ultimo secondo pesca in area Bizzarri che segna, prende il fallo da Marinelli e capovolge il punteggio realizzando il tiro libero supplementare. Ci sono ancora interminabili secondi a disposizione di Vasto per sovvertire nuovamente il risultato, ma la Magic Team è ancora una volta attentissima in difesa, con Bizzarri che mette sotto chiave il pallone.

Alla BCC Vasto non è riuscito il colpaccio dell’ultimo secondo, come invece accaduto nell’incredibile finale di Salerno, dove il fanalino di coda Delta Basket ha superato con un canestro da metà campo allo scadere il San Michele Maddaloni. Un risultato clamoroso che proietta la squadra del presidente Di Nunzio al terzo posto in classifica, con due punti di vantaggio su Maddaloni e due di ritardo su Vasto, col calendario che prevede ora due impegni fuori casa a Lanciano e Venafro.

MAGIC TEAM BENEVENTO – BCC VALLE TRIGNO VASTO 75-74 (8-17, 28-36, 53-55)

MAGIC TEAM BENEVENTO: Buontempo, Del Gaudio ne, Fabiano 14, Stijepovic 22, Murtas 9, Marinello 14, Porta 5, Pepe, Del Basso ne, Bizzarri 11. Allenatore: Sanfilippo.

BCC VALLE TRIGNO VASTO: Sergio 11, Cimini 2, Dipierro 31, Di Tizio 6, Marinaro 6, Ierbs 4, Maggio ne, Marinelli 14, Bucci ne, Rinaldi ne. Allenatore: Di Salvatore.

Magic Team Benevento, ingaggiata l’ala grande Vittorio Porta

La Magic Team Benevento è lieta di ufficializzare l’ingaggio di Vittorio Porta, ala forte di 200 cm nato a Como il 07/08/1985. La società del presidente Di Nunzio ha ottenuto il via libera dalla Federazione Italiana Pallacanestro per il tesseramento dell’atleta, svincolatosi in seguito all’esclusione dal campionato della Virtus Frusino, compagine di DNC inserita però nel girone F del campionato, e farà il suo esordio ufficiale con la maglia dei beneventani già sabato sera, nel derby in programma sul difficile campo di Airola. Durante la sua esperienza con la Credito Artigiano Frosinone, Porta ha collezionato 12 presenze e 11.8 punti di media in 32 minuti di utilizzo a partita. Il neoacquisto, ala forte, mancino, in settimana si è subito messo a disposizione di coach Nino Sanfilippo per familiarizzare con i nuovi compagni e il sistema di gioco, nonostante mancasse ancora l’ufficialità dell’avvenuto tesseramento. Andrà a rinforzare il reparto lunghi della Magic Team, affiancando nelle rotazioni Bizzarri, Del Gaudio e Pepe. Un elemento di spiccato valore tecnico che la società sannita adocchia dalla stagione 2010/2011, quando il comasco si mise in mostra a Benevento nell’appuntamento pre-campionato del trofeo “Marcello Errico” con la maglia della Dicearchia Pozzuoli, con la quale disputò la prima parte della stagione in DNB, con 11.7 punti di media, prima di trasferirsi a Novellara, scendendo di una categoria. Nella scorsa stagione, ancora un’esperienza in DNB con la Sangiorgese Basket da 4.3 punti di media in 17 minuti di presenza sul parquet. Grande soddisfazione all’interno dell’entourage beneventano, da tempo alla ricerca di un lungo in attesa di compiere il colpaccio; coach Sanfilippo, pur lodando l’encomiabile lavoro svolto dai suoi ragazzi, che vale il momentaneo quarto posto in classifica, aveva infatti richiesto alla dirigenza un ulteriore sforzo per ingaggiare un elemento in grado di allungare panchina e rotazioni. La presenza di Vittorio Porta rappresenta senz’altro un salto di qualità per il roster della Magic Team, che a questo punto può legittimamente aspirare ai playoff; la dirigenza, tiene tuttavia a precisare che in ogni caso non c’è alcuna velleità di promozione, dato che le già forti concorrenti per il salto di categoria, Vasto e Molfetta, si sono a loro volta ulteriormente rinforzate, aggiungendo qualità ed esperienza sotto canestro .

Memorial “Antonio Tretola”, che successo!

Di seguito, per chi non avesse acquistato IL SANNIO QUOTIDIANO lo scorso 31 Dicembre, ripropongo il mio articolo sul 10° Memorial “Antonio Tretola”, disputato a Benevento lo scorso 28-29 Dicembre. Ne approfitto per lanciare anche la fan page ufficiale su Facebook “Memorial Antonio Tretola” dove a breve verranno pubblicate anche tutte le foto realizzate dal fotografo ufficiale della manifestazione, Renato Melillo. Ci sono ancora tante copie a disposizione del libro “2002-2012: Dieci Canestri Con Antonio Nel Cuore”, quindi se lo volete fatemi sapere che faccio pure le consegne a domicilio. Ancora e ancora e ancora GRAZIE per l’eccellente riscontro dato ai nostri immensi sforzi per organizzare un’edizione degna del decimo anniversario della scomparsa di Antonio Tretola!

ImmagineSe il metro di giudizio per valutare la riuscita di un evento è dato dalla risposta del pubblico sugli spalti, allora difficilmente i ragazzi del comitato organizzatore di questo 10° memorial “Antonio Tretola” potrebbero essere più felici e soddisfatti. Non capita sovente di vedere così tanti spettatori sulle gradinate dei palazzetti dello sport beneventani partecipare, figuriamoci emozionarsi. E invece, nonostante in campo non ci fossero squadre sannite a contendersi la coppa più grande, sabato sera sulle gradinate del Palaparente il pubblico applaude, ride, fa il tifo, per poi commuoversi durante il toccante discorso di ringraziamento di Genesia De Luca, moglie del compianto dottor Antonio Tretola. Il primo che stenta ancora a crederci è il presidente del comitato organizzatore del torneo, Amedeo Piantadosi, che incassa i complimenti dei colleghi allenatori della società invitate: “Ogni anno è sempre una grande emozione, ma quest’anno abbiamo avuto tutti la percezione che ci sia stato un qualcosa in più. Vedere il palazzetto così gremito, col pubblico appassionarsi per le sfide in campo è stata più che una vittoria”.

La vittoria, quella ottenuta sul campo a suon di sudore e canestri, la ottiene l’Under 19 della Juvecaserta. Nell’equilibrata ed avvincente finale del quadrangolare, nulla può il tandem Salerno/Battipaglia, che tiene testa per 40’ ai pari età della Juve, per poi cedere nel 76-65 finale.  Sempre a condurre nel punteggio, ma mai con uno scarto rassicurante, i bianconeri trovano il break nel terzo quarto. I ragazzi di coach Dragonetto però non si arrendono e tengono sotto pressione gli avversari fino ai secondi finali, senza però riuscire a portare la gara quantomeno all’overtime. Nell’intervallo, altre emozioni le regalano i finalisti della gara del tiro da 3: Manuel Rea e Davide Granata totalizzano entrambi un 4/10 dai 6,75, ma il secondo, atleta della Scandone Avellino, si aggiudica la competizione avendo impiegato 1 secondo in meno dell’avversario. Nella finale per il bronzo invece nulla da fare per i padroni di casa dell’AP Libertà Benevento, che subiscono un altro pesante parziale ad opera dei coetanei della Scandone Avellino: 83-33 il risultato finale. A voler insistere nella ricerca di un difetto di questo decimo memorial “Tretola” si potrebbe appunto citare la magra performance dell’AP Libertà, società organizzatrice del torneo. Nessuna sorpresa e nessuno scandalo però: come annunciato alla vigilia, l’intenzione del comitato organizzatore era quella di invitare il meglio del basket giovanile campano, con la consapevolezza che il gap tecnico sarebbe andato inevitabilmente ad allargarsi a danno dei padroni di casa, unici a non partecipare alla categoria Eccellenza nei campionati giovanili. Per gli atleti dell’AP Libertà si è trattata in ogni caso di una occasione unica per confrontarsi con le migliori avversarie a disposizione entro i confini della Campania, e la batosta può servire a dare loro stimoli e motivazioni per il futuro. Il quarto posto della squadra del presidente Iovini, che pure annoverava nel proprio roster alcuni fuoriquota, concessi in prestito da altre società della provincia, dovrebbe tuttavia valere anche come monito e provocazione per l’intero movimento cestistico sannita: ad oggi, se ognuno continua ad andare per i fatti suoi, difficilmente si potrà costruire qualcosa per il futuro che non sia mediocre o modesto.

PREMIAZIONI – Nella cerimonia finale di premiazione, alla quale hanno partecipato il delegato allo Sport per la Provincia di Benevento, Giuseppe Lamparelli, Mario Collarile e Antonio Furno, rispettivamente presidente e vice presidente del comitato provinciale del CONI di Benevento, Antonio Mazzone, dirigente scolastico dell’istituto “Le Streghe” e Manfredo Fucile, presidente del comitato regionale della FIP, oltre alle quattro partecipanti e al già citato Granata per il tiro da 3, l’AP Libertà si è aggiudicata la coppa Fair Play dedicata alla memoria di Mario Pellegrini, papà del presidente del Minibasket Albatros Ciro Pellegrini. Antonino Di Pasquale e Carmine Vece, Family Banker di Banca Mediolanum, hanno premiato il “Quintetto Ideale Banca Mediolanum” dell’edizione 2012 del memorial Antonio Tretola, composto da Roberto La Sala e Paolo Sorrentino della Pallacanestro Salerno, Graziano Marallo dell’Ap Libertà, Manuel Rea e Antonio Salzillo della Juvecaserta. Il presidente del comitato regionale della FIP, Manfredo Fucile, e Amedeo Piantadosi, presidente del comitato organizzatore del torneo hanno premiato con una targa – ricordo la famiglia Tretola per questi dieci anni di storia del torneo dedicato ad Antonio. Infine, a nome del reparto di Radiologia dell’ospedale “Fatebenefratelli” di Benevento, Giovanni Venditti e Raffaele Villanacci hanno premiato la vincitrice del memorial “Tretola” 2012, il Basket Juvecaserta.

Un appuntamento di riferimento quello del torneo organizzato dall’AP Libertà che, forte del successo ottenuto anche dal libro “2002 – 2012: Dieci Canestri Con Antonio Nel Cuore”, non può non avere un futuro come ribadisce a manifestazione conclusa, il figlio del dottor Antonio Tretola, Francesco: “I numerosi complimenti ricevuti a fine torneo, riempiono me e lo staff organizzatore di orgoglio. Ringraziando tutti coloro che hanno partecipato, ci impegneremo in futuro a fare sempre meglio, spinti dalla passione per il basket e per il torneo “Antonio Tretola”.”

Di seguito il tabellino della finale 1°  – 2° posto del 10° memorial “Antonio Tretola”

PALLACANESTRO SALERNO – JUVECASERTA 65-76 (11-16, 27-36, 48-58)

PALLACANESTRO SALERNO: Sorrentino 18, Lasala 18, Fornataro 10, Nisivoccia 2, Biraglia 5, Vastola 2, Magliaro 3, Gaeta 7, Galdi, Melchionda, Barra, Ferrara. Allenatore: Dragonetto.

JUVECASERTA: Russo B. 23, Rea 18, Salzillo 16, Lamberti 5, Marini 13, Russo G. 1, Vigliotti, Leone, Palladino, Pascariello. Allenatore: D’Addio.

Andrea Caruso