A ciascuno il suo (simbolo)

Centosessantanove simboli – 169! – sono stati giudicati dal Ministero dell’Interno ammissibili alle prossime elezioni politiche del 24 febbraio. 169.

Potendo, piazzerei una microcamera in una cabina elettorale, per origliare i commenti degli anziani alle prese con una scheda elettorale formato Bibbia di Gutemberg, alla disperata ricerca del simbolo da votare. 169. Mi arrendo di fronte all’evidenza che ormai in questo paese non si riesce ad avere un po’ di serietà neanche quando sei sull’orlo del baratro, e quindi, coImmagineme pure testimonia la campagna elettorale da avanspettacolo di Silvio Berlusconi, tanto vale riderci su.

Adesso però non è da ritenere politicamente e ragionevolmente giustificabile chi si ostina a voler rimarcare il proprio disgusto per la politica nostrana utilizzando il famigerato mezzo dell’astensione. Eh no. Perché quello di voto è un diritto/dovere troppo importante. E allora ben venga un messaggio di protesta dall’elettorato, – che tanto sempre un favore alla Casta è – purché si estrinsechi attraverso la dispersione del proprio voto in uno dei molti e ridicoli contrassegni presentati al Viminale. Niente scuse: ognuno può disperdere il proprio voto, trovando una collocazione alternativa e perfettamente compatibile al proprio orientamento politico. In 169 simboli, c’è veramente di tutto: da quelli presenti nei libri di storia – (Nuovo) Partito d’Azione – a quelli dei libri di fantasia, tipo l’UDEUR. Gli smanettoni del pc porteranno avanti l’istanza di un “RojaDirecta Libero” attraverso il Partito degli Internettiani, mentre i romantici della Sehnsucht si raccoglieranno nel Movimento Poeti d’Azione. Partiti-ultras nel pieno rispetto della par condicio (FORZA ROMA e FORZA LAZIO), partiti-ossimoro come i “Gay di destra”, partiti dei pirati (ovviamente mi riferisco a IL VELIERO, mica al Partito dei Pirati!).

In mancanza di una robusta coalizione a sostegno dell’invasione da parte della Germania, io credo che mi allineerò ai filo-MILF: il MOVIMENTO MAMME DEL MONDO.

Annunci